×

È iniziato il conto alla rovescia per l’inizio della stagione invernale 2018 – 2019 sui comprensori del Dolomiti Superski, e come ogni anno non mancano le novità.

Nonostante le devastazioni causate dal maltempo che ha colpito diverse aree del territorio a fine ottobre, in tutte le stazioni invernali del più grande carosello del mondo si sta lavorando intensamente per garantire l’apertura degli impianti e iniziare tutto come da programma. “Gli impianti di risalita hanno avuto più fortuna e i danni riportati in singole zone sono di lieve entità e sono già stati ripristinati o lo saranno a breve. Contrariamente a quanto riportato da alcune testate, la stagione invernale di Dolomiti Superski potrà cominciare puntualmente il 30 novembre con la prima e il 6 dicembre con la seconda ondata di aperture, come avevamo programmato” conferma Diego Clara di Dolomiti Superski.  

Gli appassionati di sci possono quindi cominciare a preparare l’attrezzatura e accingersi a godere delle grandi novità che anche quest’anno Dolomiti Superski riserverà loro. Per realizzarle sono stati investiti ben 90 milioni di euro, 25 dei quali destinati all’ulteriore potenziamento dell’innevamento programmato. Ecco allora le 5 novità più rilevanti per il prossimo inverno riguardanti gli impianti di risalita Dolomiti Superski.

5 novità dagli impianti Dolomiti Superski 2018 – 2019

1. Gitschberg Jochtal (Rio Pusteria): ecco la cabinovia futuristica Ski Express

Nello splendido comprensorio del Gitschberg Jochtal (Rio Pusteria), precisamente sul monte Gitschberg, verrà inaugurato il nuovissimo Ski Express, una cabinovia a 10 posti che prenderà il posto di 2 impianti, ormai vetusti. Porterà in quota 3000 sciatori all’ora, salendo da 1.706 a 2.216 metri di altitudine in soli 6 minuti. Proseguono quindi alla grande i forti investimenti che negli ultimi anni hanno portato questa zona sciistica non distante da Bressanone a diventare uno dei fiori all’occhiello dell’intero Dolomiti Superki.

Per informazioni: www.riopusteria.it

2. San Martino di Castrozza: in funzione la nuova cabinovia iperveloce

A San Martino di Castrozza una cabinovia Leitner ad ammorsamento a 10 posti, la „Colbricon Express, sostituirà due vecchie seggiovie e consentirà di salire molto velocemente dalla località Interski a Pian delle Cartucce, in appena 7 minuti. Prima ce ne volevano 20! Davvero un bel colpo per una delle principali aree sciisitche del Trentino.  

Per informazioni: www.sanmartino.com

3. Alta Badia: novità in seggiovia

In Alta Badia, più precisamente nella zona di Corvara, la vecchia seggiovia biposto „Roby“, datata 1998, verrà sostituita da una nuova a sei posti ad agganciamento automatico. Aumenteranno quindi il comfort e la portata per un impianto collocato in una zona nevralgica del comprensorio.

Per informazioni: www.altabadia.org

4. Alpe di Siusi: addio biposto, c’è la nuova seggiovia

Sulla meravigliosa Alpe di Siusi, la seggiovia biposto Mezdì verrà messa in pensione per essere sostituita da una tutta nuova a 6 posti e a agganciamento automatico. Anche in questo caso agli sciatori verranno assicurati maggior comfort e velocità nella risalita.

Per informazioni: www.seiseralm.it

5. Tre Cime Dolomiti: nuovo impianto sul monte Elmo

Nell’area sciistica 3 Cime Dolomiti taglio del nastro per la seggiovia automatica a 6 posti Mittelstation che, data la sua posizione centrale nel comprensorio, servirà varie piste del Monte Elmo.

Per informazioni: www.trecime.com

Dolomiti Superski: le altre novità 2019 da non perdere

Le novità dai comprensori del Dolomiti Superski non riguardano però solo gli impianti di risalita. Già dalle prime sciate della stagione si potrà infatti sostare in rifugi tutti nuovi o percorrere per la prima volta piste appena collaudate. Quali e dove saranno? Ve lo sveliamo subito.

Nuove piste

A Cortina d’Ampezzo è pronta la „Panoramica Druscié“, mentre nell’area sciistica 3 Cime Dolomiti verrà aperta la pista „Signaue II“. Spostandosi in Trentino, sull’Alpe Cermis scieremo per la prima volta sull’ampia e assolata pista “Busabella” accanto alla quale sorgerà un rifugio altrettanto nuovo. A Rio Pusteria, sul monte Gitschberg, ecco la Wastl Huber, servita dalla nuova cabinovia.

Nuovi rifugi

  • Tra i nuovi rifugi, spicca l’Alpinn a Plan de Corones. Integrato nel museo fotografico LUMEN, il locale sarà diretto nientepopodimeno che da Norbert Niederkofler, chef tristellato del ristorante St Hubertus (Hotel Rosa Alpina, San Cassiano in Badia).
  • Due novità arrivano dalla Val di Fiemme. Sull’Alpe Cermis sorgerà invece il Busabella, struttura dall’architettura moderna dotate di ampie vetrate che consentono di ammirare il fantastico panorama dolomitico.
  • Sempre in Val di Fiemme, ma nella zona di Bellamonte, troveremo lo Chalet 44 Dolomites Lounge. Al nuovo rifugio si arriverà comodamente con la cabinovia. Favolosa l’ampissima terrazza con panorama sulle Pale di San Martino e sulla Catena del Lagorai. 

Lo chef Norbert Niederkofler, qui ritratto in Alta Badia, dirige il nuovo rifugio Alpinn a Plan de Corones

Non resta quindi che attendere l’apertura delle piste per godere di tutte queste nuove strutture, che si uniscono alle novità già presentate da Dolomiti Superski la scorsa stagione. Seguiteci per essere informati puntualmente sulle news relative all’avvio della stagione.

Vi ricordiamo di consultare inoltre il sito ufficiale Dolomiti Superski per conoscere in tempo reale la situazione degli impianti aperti.

Foto di copertina:  © Dolomiti Superski – Harald Wisthaler 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: