×

Si chiama LUMEN il nuovo e spettacolare museo dedicato alla fotografia di montagna, inaugurato il 20 dicembre 2018 sulla cima di Plan de Corones (Kronplatz), a 2275 metri di quota.

Lumen Museum a Plan de Corones – Foto © Paolo Riolzi

La struttura di Lumen sorge in una posizione scenografica – vicino al ristorante AlpiNN, la nuova casa del progetto Cook the Mountain dello chef Norbert Niederkofler, 3 stelle Michelin – e si sviluppa su 4 piani, per un totale di 1800 metri quadrati. Qui, prima, sorgeva la vecchia stazione a monte della funivia di Kronplatz.

Visitare Lumen: un tuffo nel mondo della fotografia di montagna

La visita regala emozioni e sorprese fin dal primo momento, quando si sale in ascensore per raggiungere il livello più alto del museo, dove inizia il percorso espositivo.

La parete in vetro della cabina si affaccia sulla gigantografia di un paesaggio montano. Come in un’arrampicata, durante la salita si ammirano prima i boschi e i pascoli, poi il ghiacciaio, le rocce e infine le ultime guglie che tracciano il confine del cielo. Un’ascesa simbolica che è l’incipit di un affascinante viaggio nel mondo della fotografia di montagna declinata in ogni aspetto.

Uno sguardo tra passato e futuro

Si parte dagli albori, con le sezioni dedicate alle antiche macchine fotografiche e ai pionieri delle fotografia di montagna come Joseph Tairraz, i fratelli Bisson, Bernhard Johannes, Jules Beck e Vittorio Sella, per poi conoscere l’evoluzione di questo linguaggio espressivo e le potenzialità della tecnologia più innovativa.

Proprio la tecnologia e gli effetti speciali con essa creati rendono coinvolgente e interattiva l’esperienza al LUMEN.

L’interessante viaggio alle origini della fotografia di montagna – Foto © Dolomiti Review

Le sale da non perdere al Lumen Museum

Di grande impatto sono la sala degli specchi, con il suo spiazzante gioco di riflessi, e l’adiacente stanza dell’adrenalina caratterizzata da una moltitudine di schermi ove sono sono riprodotte immagini degli sport estremi scattate tra le vette.

La sala dell’adrenalina e quella degli specchi – Foto © Paolo Riolzi

Altra attrazione del LUMEN che rimarrà impressa nella memoria è la grande parete che prima funge da schermo per la proiezione di video e poi, proprio come un gigantesco otturatore, si apre lentamente sulle Alpi. In questo caso non si tratta di una foto, ma del meraviglioso panorama di cui si gode dal LUMEN. Inoltre, grazie ai visori VR, seduti su comode poltrone si potrà compiere un volo virtuale tra le cime più belle delle Dolomiti.

La scenografica parete con vista sul panorama – Foto © Paolo Riolzi

Il LUMEN è un museo che può conquistare un pubblico variegato poiché coniuga l’intrattenimento all’approfondimento di tematiche tecniche, storiche e culturali legate alla fotografia e alla montagna. Non importa se si è dei profondi appassionati di fotografia o dei semplici curiosi, la visita riserverà spunti interessanti e grandi soddisfazioni.

LUMEN è un progetto museale che vede coinvolte altre importanti realtà partner quali l’Archivio tirolese per la documentazione fotografica e l’arte (Tap), National Geographic e Alinari, oltre naturalmente alla Provincia di Bolzano e Kronplatz.

Lumen Museum: informazioni pratiche

Orari di apertura

Il Museo Lumen è aperto tutti i giorni, dal lunedì alla domenica, anche festivi, dalle ore 10.00 alle 16.00.

L’ultimo ingresso consentito è alle ore 15.30. L’ultima discesa a valle della funivia è alle 17.00.

Prezzi dei biglietti

I prezzi di ingresso al Lumen Museum per la stagione 2018 – 2019 sono: adulti 17€; ridotto ragazzi 17-25 anni, studenti fino a 25 anni, over 65 12 €; ridotto ragazzi da 8 a 16 anni 10€. Ingresso gratuito per le persone con disabilità. Per i gruppi di almeno 5 persone sono previste riduzioni.

Come arrivare

Il LUMEN Museum si trova in cima a Plan de Corones, proprio sulle piste del comprensorio sciistico Kronplatz – Dolomiti Superski. Un museo che si può visitare quindi anche con gli scarponi da sci ai piedi!

Durante la stagione invernale, si può arrivare al museo grazie ai comodi impianti di risalita, quindi con le cabinovie che salgono a Plan de Corones dai 4 versanti: Valdaora, Brunico (Riscone), San Vigilio di Marebbe, Perca.

In estate, oltre alla comodissima cabinovia da Riscone di Brunico, è possibile salire sulla cima di Plan de Corones e quindi al Lumen anche con un’escursione a piedi o in mountain bike.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare il sito ufficiale di Lumen Museum.

Foto di copertina © Paolo Riolzi, courtesy of Lumen Museum

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: