Buchteln: ricetta facile e veloce

Il Buchteln (o sarà meglio dire i Buchteln?) è uno dei dolci tipici dell’Alto Adige e della cucina tirolese. Se non l’avete mai assaggiato è difficile darne una definizione precisa: sono delle palline soffici di pasta lievitata, cotte in forno e con un cuore di marmellata.

Queste focaccine si preparano in una teglia, disponendole vicine: durante la cottura in forno, lievitano ancora e si attaccano una all’altra. Sono belle da vedere, buone da mangiare e anche facili da fare!

Si tratta di un dolce molto semplice, dal sapore delicato di vaniglia e scorza di limone. All’interno, tradizionalmente si usa la confettura di albicocche ma nessuno vieta di sostituirla con un altro tipo di marmellata o di crema, come la crema pasticcera! Scegliete pure il ripieno in base ai vostri gusti, o di quello che avete in casa. Sono ottimi anche lisci, semplici, senza nient’altro dentro.

Preparare in casa i Buchteln è facile e vi farà sentire subito in Alto Adige. Di seguito trovate la ricetta originale e i passaggi da seguire. Il procedimento non è complicato: basterà osservare i tempi di lievitazione per ottenere Bucheln soffici soffici!

Buchteln: la ricetta per fare in casa il dolce tirolese

INGREDIENTI

170 ml di latte tiepido

25 grammi di lievito di birra fresco (oppure 7 grammi di lievito di birra disidratato)

50 grammi di zucchero

500 grammi di farina 00

40 grammi di burro fuso (+ altri 20 grammi per spennellare)

2 uova biologiche

1 bacca di vaniglia (o estratto di vaniglia)

la scorza gratuggiata di un limone biologico

1 vasetto di confettura di albicocche

Libro di ricette consigliato: Dolci delle Dolomiti

Le dosi vanno bene per una teglia rotonda di 26 cm di diametro. Consigliamo di usare uno stampo con cerniera: sarà più facile estrarre il Buchteln dopo averlo sfornato. Di solito si utilizza una teglia rettangolare o quadrata (ma non ce l’avevamo!).

PROCEDIMENTO

In un contenitore, sciogliere nel latte tiepido il lievito e un cucchiaino di zucchero.

In una ciotola, versare i primi 50 grammi di farina e unire il lievito appena sciolto. Mescolare: otterrete un impasto liquido e liscio. Coprire la ciotola e lasciare lievitare per 15 minuti in un luogo caldo.

Riprendere la ciotola con l’impasto lievitato e unire gli altri ingredienti, mescolando: i restanti 450 g di farina, burro fuso, zucchero, uova, vaniglia e scorza di limone. Lavorare il tutto fino a ottenere un impasto sodo, liscio e omogeneo.

Potrà essere utile riversare l’impasto sulla spianatoia per poterlo impastare a mano fino a raggiungere la giusta consistenza. Lavoratelo a lungo: all’inizio l’impasto sarà secco e sbricioloso, ma impastandolo diventerà morbido e omogeneo.

Rimettere l’impasto nella ciotola, coprirlo e lasciare lievitare per altri 30 minuti in un luogo caldo.

Dopo mezz’ora, l’impasto sarà raddoppiato di volume. Arriva il momento di dividere la pasta in palline da 50 grammi ciascuna.

Schiacciare ogni pallina, mettere al centro un cucchiaino piccolo di confettura di albicocche e chiudere bene la pasta, formando delle palline ripiene.

Spennellare le palline delicatamente con burro fuso e metterle in uno stampo (disporre le palline con la chiusura verso il basso). Coprire con un panno e far lievitare ancora 20 minuti prima di infornare.

Cuocere in forno statico già caldo a 180° per 25 minuti. Quando diventa dorato in superficie, il Buchteln è pronto!

Basterà lasciarlo raffreddare un po’ prima di estrarlo dalla teglia (resistendo alla tentazione di mangiarlo caldo!). Spolverare con zucchero a velo.

Dividere il Buchteln a pezzetti, con delicatezza, e servire tiepido, magari accompagnato con salsa alla vaniglia.

Buchteln sulle Dolomiti: dove mangiarlo?

Il miglior Buchteln l’abbiamo mangiato al Rifugio Fondovalle (in Val Fiscalina). Delizioso anche da Wachtler, a San Candido, e alla Pasticceria Alverà a Cortina d’Ampezzo.