fbpx
×

Lo storico panificio-pasticceria Alverà di Cortina d’Ampezzo appare totalmente rinnovato per offrire, dopo cento anni di golosa attività, anche il servizio di caffetteria. Venerdì 25 novembre 2016 il locale ha riaperto con l’inaugurazione dei nuovi spazi voluti dal titolare Massimo Alverà. Un rinnovo radicale, per consentire ai clienti di gustare i dolci artigianali che produce ogni giorno nel suo laboratorio, prima disponibili solo per asporto.

“Il lungo percorso professionale iniziato negli anni ’90, subito dopo il servizio militare, fatto di studi, corsi e stage presso laboratori di amici e colleghi, in Italia e all’estero mi ha portato ad arricchire costantemente la proposta” – spiega il pasticcere ampezzano. “Non senza sacrifici, fin da ragazzo ho sentito l’esigenza di uscire da Cortina per imparare qualcosa di nuovo. Così, dopo vent’anni, ho pensato che fosse giunto il momento di trasformare il locale fondato dai miei bisnonni in modo da affiancare alla vendita di pane e dolci anche la possibilità di fermarsi per assaggiare le mie creazioni insieme ai caffè. Al banco o ai tavolini. Puntiamo molto sulla terrazza che utilizzeremo anche d’inverno, nelle ore in cui arriva il sole”.

Una dolce storia di famiglia… lunga più di un secolo

Alverà è famoso per i suoi pasticcini mignon, per le specialità al cioccolato (la Sacher è un suo cavallo di battaglia) e per i lievitati (panettoni, focacce e brioche) preparati con la pasta madre.

Da oggi lui e il suo staff si cimenteranno anche con caffè, cappuccini, cioccolate e con le altre specialità della caffetteria, iniziando un nuovo capitolo di una storia cominciata ben 102 anni fa.

L’insegna venne infatti fondata nel 1914, quando a Cortina c’erano ancora gli Asburgo. Ad aprirne per la prima volta le porte fu Adolfo Alverà che cominciò a produrre e vendere il pane. Il locale è quindi passato al figlio Guido con il quale ha conosciuto una prima ristrutturazione negli anni Cinquanta. Fu allora che si cominciarono a sfornare i dolci e il panificio da semplice forno divenne anche pasticceria. Poi a prendere il testimone fu il figlio di Guido, Adolfo. L’ambiente venne rinnovato ancora nell’86, nel ’92 e nel ’98 continuando a crescere nell’offerta al cliente.

Ed oggi, ormai alla quarta generazione, ecco Massimo, da trent’anni pasticcere felicemente alla guida del locale. Una bella storia di famiglia, celebrata all’inizio della stagione invernale con la festa di riapertura al pubblico.

Perché ci piace la Pasticceria Alverà. È una bottega storica, ma sempre al passo con i tempi. Massimo lavora con passione e sforna dolci sublimi. Provare per credere: le sue brioche per la colazione e la deliziosa Sacher.

Pasticceria Alverà

Piazza Fratelli Ghedina Pittori, 14
(a un passo da Corso Italia)
32043 Cortina d’Ampezzo BL
tel. 0436 862166

La pasticceria Alverà su Facebook