scrivi qui cosa stai cercando
Dove mangiare

In Treska, il nuovo ristorante in quota dove mangiare in Val di Fiemme

Design contemporaneo, buon cibo e vista panoramica. Scopriamo In.Treska, il nuovo ristorante sulle piste della Val di Fiemme, a 2.200 metri di quota

Un nuovo ristorante in quota dove mangiare e bere bene in Val di Fiemme. È l’In Treska, insegna guidata da Dario Sudarovich (in sala e cantina) e dal padre Andrè (lo chef).

Innanzitutto va detto che il locale si trova in una posizione privilegiata. Tresca è proprio il nome della località, un balcone naturale a 2.200 metri di altitudine nello Ski Center Latemar che regala un ampissimo panorama sulle vette di confine, su alcuni dei principali gruppi dolomitici (come quello del Sella e delle pale di San Martino, la Marmolada e il Lagorai).

Architettura contemporanea e panorama da favola

Il panorama è protagonista anche nelle due sale comunicanti della moderna struttura, realizzata in legno e vetro, progettata proprio per consentire agli ospiti di concedersi una sosta per godere della splendida vista dalle vetrate a tutta altezza.

Menu

Una cifra distintiva di In Treska è la carne cucinata alla brace con il josper per esaltare la qualità di una materia prima selezionata con cura.

Il piccolo menu varia continuamente a seconda di quanto offre il mercato. Si può cominciare con degli ottimi taglieri e stuzzichini vari a base di salumi prelibati e formaggi per poi proseguire con il primo del giorno o con una zuppa. E quindi i secondi con l’imperdibile grigliata. Golosi i dolci fatti in casa così come il pane e le salse per la carne.

Carta dei vini ben pensata, attenta alle produzioni del territorio e capace di interessanti escursioni in tutta Italia e in Francia. Encomiabile la ricerca di piccole cantine che ha come risultato la scoperta di vere chicche.

Sosta con vista al ristorante InTreska. A destra, Andrè e Dario Sudarovich.

Il video di In Treska su YouTube

Il video con le interviste a Dario e Andrè Sudarovich

Curiosità

La carne viene servita su piatti di ghisa molto caldi, ma appoggiata su degli aghi di cirmolo in modo che non si cucini troppo sulla superficie rovente. Un’ottima idea anche perché il pino cembro sprigiona i suoi profumi silvestri rendendo il tutto ancor più godurioso.

Ristorante In Treska in Val di Fiemme: come arrivare

In inverno l’In Treska è raggiungibile solo con gli sci poiché la seggiovia che arriva poco sopra non è abilitata al trasporto di pedoni senza sci.

In estate invece si può salire a piedi oppure in seggiovia da Pampeago (fino al monte Agnello e da lì si cammina per 15 minuti un percorso con un dislivello minimo).

Il ristorante è aperto durante la stagione estiva e invernale e in alcune occasioni anche in autunno. Vi invitiamo a contattare direttamente In.Treska per ogni ulteriore informazione: www.intreska.it

Dolomiti Review è il local magazine scritto con il cuore, direttamente dal cuore delle Dolomiti.
➥ Seguici anche su instagram, facebook e su telegram per non perdere nessun aggiornamento!