fbpx

Le Tre Cime di Lavaredo in inverno hanno un fascino unico: questi imponenti monumenti di roccia sono uno spettacolo della natura che lascia senza fiato in ogni momento dell’anno. Ma quando arriva la neve lo scenario diventa, se possibile, ancora più emozionante.

A differenza dell’estate, quando i sentieri per raggiungere le Tre Cime sono molteplici, in inverno la situazione è molto diversa. Quei percorsi che senza neve sembrano semplici (come il classico giro delle Tre Cime di Lavaredo) in condizioni invernali non sono assolutamente consigliati per la pericolosità e le insidie del manto nevoso.

Tra le vette più famose e iconiche delle Dolomiti, le Tre Cime di Lavaredo sono considerate forse il simbolo di queste montagne dichiarate dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’umanità. In questa pagina raccontiamo come arrivare alle Tre Cime di Lavaredo in inverno, partendo dal Lago di Antorno.

Tre Cime di Lavaredo in inverno, dal Lago di Antorno
Tre Cime di Lavaredo in inverno, dal Lago di Antorno

Come arrivare ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo in inverno

In inverno, il modo più facile per raggiungere le Tre Cime di Lavaredo è avvicinarle dal versante meridionale, ovvero quello veneto, di Auronzo di Cadore.

Si parte dal Lago di Antorno (a pochi chilometri dal Lago di Misurina) a 1880 metri di quota e si sale a piedi – con le ciaspole o gli sci d’alpinismo – lungo la Strada Panoramica delle Tre Cime di Lavaredo, che in inverno è chiusa al traffico dei veicoli.

La meta di questa escursione è il Rifugio Auronzo, situato a 2333 metri di quota proprio ai piedi delle Tre Cime. Il rifugio è aperto per la stagione estiva e in inverno nei weekend (da venerdì a domenica), con servizio di ristoro – bar (non ristorante). Vi invitiamo a contattare il Rifugio Auronzo per avere informazioni sempre aggiornate sulla sua apertura.

Rifugio Auronzo in inverno: alle Tre Cime di Lavaredo dal Lago di Antorno, sulla neve

L’escursione invernale per arrivare con le ciaspole alle Tre Cime di Lavaredo parte dal Lago di Antorno, a quota 1880 metri. Qui è possibile lasciare l’auto ma fate attenzione perché il parcheggio ha una capienza limitata ed è necessario arrivare presto per trovare posto. Non è assolutamente consentito parcheggiare in strada, al di fuori dai posti segnati.

Dopo il Lago di Antorno, la strada è chiusa alle auto e si può proseguire soltanto a piedi, oppure in motoslitta. Infatti, in inverno è attivo un servizio di trasporto in motoslitta che porta i turisti da Antorno al rifugio Auronzo. Il costo della motoslitta è di 30 euro a persona (nel 2021): il servizio è gestito da Tre Cime Service.

Chi desidera fare un’escursione sulla neve per arrivare alle Tre Cime di Lavaredo in inverno, può salire a piedi seguendo la traccia ben battuta che collega il Lago di Antorno al Rifugio Auronzo, ricalcando il tracciato della Strada Panoramica delle Tre Cime.

Il percorso che in estate è trafficato da migliaia di auto in inverno, invece, si tinge di bianco e si riempie di silenzio, pur essendo molto frequentato da escursionisti con ai piedi le ciaspole o gli sci d’alpinismo.

Tre Cime di Lavaredo in inverno: l’itinerario per ciaspole o scialpinismo

Lago di Antorno – Malga Rin Bianco – Rifugio Auronzo alle Tre Cime di Lavaredo: descrizione passo passo dell’escursione invernale

Per arrivare alle Tre Cime di Lavaredo in inverno si segue la traccia molto ben visibile dal Lago di Antorno: il sentiero è largo e battuto e corrisponde alla strada (innevata) delle Tre Cime.

Questo itinerario è adatto a chi vuole fare un’escursione con le ciaspole o gli sci d’alpinismo nella zona delle Tre Cime. Dato che la traccia è battuta dal passaggio delle motoslitte spesso le racchette da neve non servono ed è sufficiente avere scarponcini invernali adatti a camminare sulla neve.

Il percorso inizia costeggiando sulla sinistra il Lago di Antorno. Poi, dopo un paio di tornanti, si incontra subito il casello che in estate segna l’accesso della strada a pedaggio per le Tre Cime. Superato il casello, proseguiamo sulla destra per la strada battuta che porta verso Malga Rin bianco.

Chi ha la fortuna di poter fare questo tratto dopo una grande nevicata potrà godere di uno scenario fiabesco, con gli alberi carichi di neve circondati dalle Dolomiti. Raggiunta la malga, la strada che fino a questo momento era pressochè pianeggiante comincia a salire in modo costante per la Val de l’Aga prima e per la Val Longeres poi.

I Cadini di Misurina, che alla partenza vedevamo maestosi alla nostra destra, ora cominciano a defilarsi mentre la cima Ovest e la Cima Grande di Lavaredo giganteggiano sopra di noi.

  • Tre Cime di Lavaredo in inverno

La salita è al sole e senza particolari ripari dalla brezza che scende da Forcella Longeres, ma è anche il segno che siamo quasi alla nostra meta: il rifugio Auronzo ci appare in alto e manca ormai poco. Risalendo gli ultimi tratti si arriva ben presto al rifugio, dove ci si può rifocillare gustando qualcosa di buono. Il panorama è magnifico e regala una vista memorabile sui Cadini di Misurina, il Monte Piana, il Sorapiss e il Cristallo.

Il ritorno al punto di partenza al Lago di Antorno avviene per lo stesso percorso dell’andata.

Escursione invernale alle Tre Cime di Lavaredo: informazioni pratiche

Partenza: Lago di Antorno (altitudine: 1880 metri slm)
Arrivo: Rifugio Auronzo (altitudine: 2333 metri slm)
Dislivello: +450 metri 
Durata: circa 2 ore all’andata (e circa un’ora e mezza al ritorno, dal rifugio Auronzo al parcheggio).
Punti di appoggio: Chalet Antorno – Rifugio Auronzo – Malga Rin Bianco
Mappa escursionistica Tabacco di riferimento: Dolomiti di Auronzo e del Comelico, numero 17