A Carnevale tra le Dolomiti rivivono tradizioni antiche. È il caso della Gnaga, l’emblematica maschera di legno da cui prende il nome il Carnevale di Fornesighe, in Val di Zoldo. L’appuntamento, quest’anno, è da sabato 2 a domenica 3 febbraio 2019.

Un fine settimana di festeggiamenti in maschera per grandi e piccini, organizzato dall’Associazione “Al Piodech Zoldan”. Ci saranno spettacoli, scultori all’opera per le vie del piccolo paese e stand dove gustare deliziosi piatti tipici.

Ogni anno, in concomitanza con il Carnevale, si tiene anche la Rassegna di volti lignei dei carnevali di montagna. Il concorso, giunto nel 2019 alla 29°edizione, vede partecipare artisti da tutta Italia e quest’anno ha per tema “Il bestiario”. Nel fine settimana si potranno votare le maschere preferite, che saranno valutate dal pubblico e dalla giuria della Gnaga.

Oltre alla Gnaga, a Fornesighe si incontreranno altri personaggi che popolano l’immaginario alpino: la coppia di novelli sposini (il nuiz e la nuiza), il compare, la balia, il vecchio, lo spaventoso Om Salvarech (coperto di pelli e dotato di artigli affilati).

Sfileranno insieme in un corteo festoso tra le stradine del borgo, attirando l’attenzione al suono dei campanelli.

Cos’è la Gnaga?

La Gnaga da il nome al carnevale tradizionale di Fornesighe. È solo una maschera, ma non è una maschera sola. È una maschera unica che rappresenta due personaggi diversi, due volti della stessa medaglia. È una vecchia signora che, camminando con scomodi zoccoli, trasporta un giovanotto vispo e giulivo, seduto sulla gerla che le pesa sulle spalle.

Un’allegoria che ricorda lo scorrere del tempo, ma anche una metafora dell’arrivo del nuovo anno, che si farà trascinare dagli eventi di quello appena passato. Una maschera che mostra come le cose, a Carnevale, possano girare al contrario: solo in questo periodo, per qualche giorno i meccanismi della realtà si invertono e i ruoli sociali si scambiano.

E proprio alla Gnaga, figura spiritosa e allo stesso tempo ricca di significati profondi, è intitolata l’intera manifestazione che si svolgerà a Fornesighe il primo weekend di febbraio. Una tradizione che si ripete dalla fine del 1800!

La Gnaga – Carnevale tradizionale a Fornesighe 2019 – Il programma

Sabato 2 febbraio 2019

10.30 riunione giuria
12.00 apertura cucina in latteria
14.00 laboratori intaglio maschere e dimostrazione di scultura
15.00 spettacolo con “I Raccontami”
19.00 cena in latteria
21.30 serata in latteria con accompagnamento musicale

Domenica 3 febbraio 2019

10.00 apertura dei laboratori artigianali e intaglio maschere
12.00 apertura cucina e stand gastronomici
13.00 dimostrazione di scultura
14.00 sfilata “corteo della Gnaga”
15.00 spettacolo con “Giorgio Dell’Osta e New Crew”
16.30 premiazione del 29esimo “Concorso dei volti lignei”
19.00 serata in latteria con bicchierata in compagnia

Domenica, l’organizzazione mette a disposizione un servizio gratuito di navetta che partirà da località Ciamber. La navetta sarà attiva dalle ore 10.30 alle 18.30 (ultima corsa).

I nostri consigli: dove mangiare e dove dormire per la Gnaga

La Gnaga è un’ottima occasione per visitare la Val di Zoldo: oltre a un giretto nei caratteristici paesini, gli sciatori apprezzeranno le piste del comprensorio Ski Civetta, inserito nel circuito Dolomiti Superski.

Dove mangiare:

Un ristorantino che propone una cucina curata, in un ambiente caldo e accogliente:
Locanda Tana de l’Orsvia Roma, 28 / 32012 loc. Val di Zoldo BL

Un locale tipico che offre un menu fisso con pietanze casalinghe gustose:
L’Insonnia / via Canale, 7 / 32012 Val di Zoldo BL

Dove dormire:

Una camera o un appartamentino nella piazza principale di Forno di Zoldo:
Locanda Tana de l’Ors / via Roma, 28 / 32012 loc. Val di Zoldo BL

Un incantevole bed & breakfast nel cuore di Fornesighe:
Dormì e disnàVia Ruis, 15B / 32012 Loc. Fornesighe Val di Zoldo

Un grazioso chalet in legno con tutti i comfort:
Orserose / Borgo Baron, 10 / 32012 Loc. Forno Val di Zoldo