A Canale d’Agordo è tutto pronto per la Zinghenesta 2020, la tradizionale festa in maschera in programma domenica 23 febbraio.

Il Carnevale sulle Dolomiti è sinonimo di folklore e riti antichi. Ogni vallata ha le sue tradizioni: la “Gnaga” in Val di Zoldo, i “Rollate” a Sappada, i “Matazìn” a Sottoguda, per citare alcuni personaggi tipici che popolano i festeggiamenti carnevaleschi tra le valli alpine.

A Canale d’Agordo, il Comitato La Zinghenesta ha rivitalizzato qualche tempo fa l’omonima festa, e quest’anno propone la sua 8° edizione.

Zinghenesta 2020: da Falcade a Canale d’Agordo, passando per Caviola

La Zinghenesta 2020 coinvolgerà tutta la Valle del Biois, per l’intera giornata di domenica 23 febbraio.

La sfilata partirà alle ore 8.00 del mattino da Falcade. Da lì scenderà in direzione Caviola e intorno a mezzogiorno arriverà a Canale d’Agordo, nella piazzetta di Tancon, davanti alla Casa delle Regole.

Qui ci sarà uno dei momenti più importanti della giornata: la rivelazione della Zinghenesta, cioè della ragazza più bella del paese.

Dopo la pausa per il pranzo, la festa riprenderà al pomeriggio, alle ore 15.00, con la sfilata della Zinghenesta e del suo seguito, per il centro del paese: Piazzetta Tancon, Via Lotta, Via Sommavilla, Via Xaiz, Via XX Agosto, Piazza Papa Luciani.

Proprio in piazza Papa Luciani si terrà l’evento clou del pomeriggio: il processo al Carnevale (16.30). Prima del processo però, spazio al concorso della maschera più bella, con premi per i migliori costumi presentati da adulti e bambini. 

Arte in Piazza con i Mascherai Alpini

In occasione della festa di Carnevale della Zinghenesta, domenica 23 febbraio 2020, dalle 9.30 alle 17.30, nel centro del paese di Canale d’Agordo ci sarà anche “Arte in Piazza Papa Luciani”. La rassegna di scultura vede la partecipazione del “Consorzio Mascherai Alpini”: in particolare si potranno ammirare il lavoro e le realizzazioni di Tita Bressan, Pompeo De Pellegrin e Alessio De Marco.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a consultare il sito della Zinghenesta.