×

I vandali armati di bomboletta spray sono arrivati fin sulla cima del Lagazuoi, per imbrattare le rocce con una scritta arancione.

scritta spray lagazuoi
La scritta sul Lagazuoi (foto da Facebook)

GioEle, si legge nella scritta che deturpa il paesaggio. Che si tratti di un Gioele o di Gio ed Ele, poco importa.

Lo sfregio campeggia evidente sulle rocce della cima del Lagazuoi, a 2750 metri di quota, vicino alla croce di vetta e alla cresta che porta al sentiero attrezzato del Kaiserjager.

Nessuno si è accorto subito dell’accaduto, testimoniato invece da una foto pubblicata su Facebook dall’account di “James Jim Jimbo”, scattata domenica 19 luglio 2020.

Questo graffito rappresenta un gesto ignobile, inqualificabile e vergognoso. Un segno vistoso che è anche un simbolo evidente della totale mancanza di rispetto nei confronti della montagna da parte di chi l’ha compiuto.

Proprio qui, nel cuore delle Dolomiti dichiarate patrimonio mondiale dell’umanità da parte dell’Unesco. Proprio qui, tra le cime che portano ancora i segni della storia scritta durante la prima guerra mondiale dai poveri soldati impegnati sul fronte dolomitico (queste zone sono un museo a cielo aperto della grande guerra). Proprio qui, qualcuno ha pensato di salire in cima al Lagazuoi munito di bomboletta spray per lasciare la propria orribile firma sulle rocce.

Un gesto deliberato. Un’offesa alla natura. Uno sfregio che non si merita.

error: Content is protected !!