fbpx

Il Rifugio Edelweiss, in Alta Badia, è una meta da conoscere. Aperto in estate e in inverno, si trova a Colfosco, non lontano dal Passo Gardena.

Un pianoro soleggiato a 1850 metri di quota, incastonato tra le meravigliose guglie del Sassongher da una parte e del Ciampac dall’altra. Ecco l’ambientazione da sogno in cui sorge questo rifugio da sempre gestito dalla famiglia Alois che ne è anche proprietaria.

Lo chef del Rifugio Edelweiss è il giovane Comploj Alois (in valle tutti lo chiamano Gigio), classe 98, tornato a dirigere i lavori nella cucina di “casa” dopo aver fatto esperienza in varie cucine stellate (tra cui il celebre Schöneck dei fratelli Baumgartner, a Falzes).

Il Rifugio Edelweiss in inverno: ecco La Stua, ristorantino gourmet

Lo chef Comploj Alois all’Edelweiss propone una cucina che si stacca dal classico schema del rifugio di montagna. Troverete piatti gustosi e curati anche nelle presentazioni, preparati con ingredienti locali, ma anche con il pesce di mare, che gli arriva fresco ogni giorno.

Delle sue ricette più apprezzate ricordiamo i classicissimi Gnocchi di zucca con crema di spinaci e fonduta di parmigiano, i Cappellacci alla carbonara con tuorlo d’uovo e polvere di speck, la Sella di cervo gratinata al pistacchio con salsa di ribes nero, cappuccio rosso, mela e rosmarino. Tra i dolci fatti in casa, da non perdere la variazione di lampone su cremoso al cioccolato bianco, sorbetto e crostatina di ricotta. Ma non può mancare lo strudel di mele.

Una bella e ricca cantina offre l’opportunità del giusto abbinamento con i piatti.

Ciò che vi abbiamo raccontato finora, vale per il ristorante La Stua, elegante scrigno gourmet del rifugio Edelweiss.

Il Rifugio Edelweiss, meta consigliata tra Colfosco e il Passo Gardena

Per chi desidera una sosta più veloce, il servizio di ristorazione self service presenta proposte tipiche più legate alla tradizione. Volendo ci si può fermare solo per una pizza, un panino al volo o una fetta di torta. 

Nelle belle giornate ci si può accomodare sul terrazzo panoramico che, in inverno, riserva una zona ai soli tavoli del ristorante La Stua. La vista sul Gruppo del Sella, con la Val di Mezdì proprio di fronte, è spettacolare.

In estate la proposta è unica (non c’è la differenziazione tra self service e ristorante gourmet) e il rifugio Edelweiss è raggiungibile a piedi da Colfosco con una passeggiata di 25 minuti. 

Nel rifugio Edelweiss, arredato in tipico stile ladino, si respira un’atmosfera allegra e la sera si brinda danzando con i dj set che animano l’apre-ski. Su prenotazione, si organizzano cene e la salita avviene a bordo del gatto delle nevi.

Rifugio Edelweiss: come arrivare

In inverno, per arrivare al rifugio Edelweiss in Alta Badia, si prende la cabinovia Colfosco che sale proprio dal paese di Colfosco. Il dislivello è 256 metri. La cabinovia serve due piste da discesa che ritornano in paese.

In estate, è possibile raggiungere il Rifugio Edelweiss da Colfosco scegliendo tra una serie di semplici passeggiate che partono dal parcheggio di Col Pradat. In alternativa, è bello arrivare all’Edelweiss anche dal passo Gardena, scendendo lungo il sentiero ben segnato che parte proprio dal valico alpino.

Per ulteriori informazioni vi invitiamo a visitare il sito del Rifugio Edwelweiss.