Da qualche anno, Daniele Venegoni – lombardo, classe 1990 – sta collezionando diversi scatti per realizzare un sogno personale: dare vita a un reportage fotografico sulle Dolomiti. Il progetto è nato dall’unione di due passioni, l’amore per la montagna (in particolar modo le Dolomiti) e il grande interesse per la fotografia.

Negli scatti, Daniele ha fotografato i principali luoghi dolomitici del Trentino Alto Adige e del Veneto, cercando di cogliere le diverse sfumature di colore che la natura ci dona generosamente nelle quattro differenti stagioni.

Daniele aggiunge: “Il reportage ha il desiderio di sensibilizzare e porre attenzione riguardo al pressante e delicato tema della salvaguardia del territorio dolomitico. La cultura consumistica sempre più incontrollata e irresponsabile sta portando ad una carenza di rispetto, occorrerebbe sostenere e incentivare iniziative di sensibilizzazione ed educazione, per dare vita a un turismo di qualità che consideri le Dolomiti non come puro luogo di divertimento, ma anche come luogo di rigenerazione, studio, ricerca e protezione, per uno sviluppo più sostenibile del territorio dolomitico.”

I luoghi più belli delle Dolomiti, nelle foto di Daniele Venegoni

Scorri la gallery per vedere tutte le foto:

Abbiamo chiesto a Daniele Venegoni di presentarsi: ecco cosa ci ha raccontato.

Ciao Daniele, parlaci un po’ di te…

Sono nato a Varese e attualmente risiedo in un comune della provincia. Non sono un fotografo di professione, ma considero la fotografia la mia più grande passione. Ho iniziato quasi per gioco, fotografando i luoghi a me più cari. Poi mi sono dedicato al mondo dei motori (e di Motorsport) per diversi anni, per poi passare definitivamente alle foto di paesaggio, scattando in particolare sulle Dolomiti. 

Dopo la prima pubblicazione, datata 2012, su un giornale locale, le sue foto sono apparse su varie testate. Una curiosità: nel 2021 ha collaborato con Ravensburger. La nota casa produttrice di puzzle ha pubblicato 3 suoi scatti riguardanti il nord Italia (uno ritrae il Lago di Braies in autunno, diventato un puzzle da 1000 pezzi) per la collezione Natale 2021.

I laghi delle Dolomiti fotografati da Daniele Venegoni

Scorri la gallery per vedere tutte le foto:

Qual è il tuo modo di intendere la fotografia in relazione con la montagna?

“Per me la sfida più grande è migliorarsi sempre di più, ricercando la perfezione e cercando di trasmettere un’anima in ogni foto – ci racconta Daniele – Passione e curiosità sono i motori fondamentali che ti spingono e ti portano a trovare posti nuovi, a cogliere sempre diverse sfumature, a volte non visibili alle altre persone e a soprassedere alla fatica, che a volte è assai pesante. 

In secondo luogo penso sia necessario programmare alla perfezione e studiare scrupolosamente le tappe e il luogo da fotografare soprattutto se si parla di montagna (visto l’aspetto meteorologico molto variabile). 

Infine un aspetto da non sottovalutare è la propria impronta fotografica o il proprio stile, che ogni fotografo cerca di regalare. Io per esempio cerco sempre di entrare in simbiosi col territorio e l’ambiente circostante, instaurando un rapporto di rispetto e tranquillità. Questo fattore mi ha sempre aiutato molto, per cercare di cogliere sempre il massimo risultato possibile. 

Foto © Daniele Venegoni