×

Il Giro d’Italia 2019 sosterà per 4 giorni di seguito tra le Dolomiti e dintorni. Sono infatti 4 le tappe inserite nel percorso che si disputeranno in queste zone dal 29 maggio al 1° giugno 2019. Ecco quali:

  • Tappa 17, mercoledì 29 maggio 2019 – Dalla Val di Sole (Commezzadura) a Anterselva (Antholz)
  • Tappa 18, giovedì 30 maggio 2019 – Da Valdaora (Olang) a Santa Maria di Sala
  • Tappa 19, venerdì 31 maggio 2019 – Da Treviso a San Martino di Castrozza
  • Tappa 20, sabato 1 giugno 2019 – Da Feltre a Croce d’Aune – Monte Avena

Il Giro d’Italia 2019 si svolgerà dall’11 maggio al 2 giugno. Dopo la partenza a Bologna, i corridori inizieranno a scendere lungo lo stivale, per poi risalire in direzione Piemonte e Valle d’Aosta. Le tappe sulle Alpi inizieranno quindi da ovest e poi la corsa rosa si sposterà verso est, arrivando così vicino alle Dolomiti.

Dal 29 maggio al 1 giugno il Giro farà ripetutamente tappa tra Trentino Alto Adige e Veneto e proprio quei giorni saranno decisivi: le tappe di montagna sono infatti in programma a ridosso dell’ultima – il gran finale è domenica 2 giugno, con l’arrivo a Verona – e qui si decideranno le sorti del vincitore del Giro.

Il tanto atteso – e temuto – tappone dolomitico si terrà sabato 1 giugno 2019. Quest’anno il percorso ufficiale non prevede passaggi sui passi più famosi, come Gardena, Giau, Falzarego, Pordoi, Fedaia o Stelvio, per citarne alcuni. Ma siamo sicuri che il tappone in programma tra Veneto e Trentino il penultimo giorno del Giro riserverà grandi emozioni agli appassionati di ciclismo.

Tappa 17, mercoledì 29 maggio 2019 – Dalla Val di Sole (Commezzadura) a Anterselva (Antholz) passando per Valle Isarco e Val Pusteria

La tappa 17 si svolgerà tra Trentino e Alto Adige, mercoledì 29 maggio. La partenza è in discesa, lungo la Val di Sole, per poi salire al Passo della Meldola. Si scende poi per Appiano fino a Bolzano e si risale la Valle dell’Isarco, passando per Prato all’Isarco, Ponte Gardena, Chiusa e Bressanone. Da Naz si prosegue verso la Val Pusteria toccando Rio Pusteria, Vandoies, Terento, Falzes, Brunico, Rasun di Sotto, Anterselva di Sotto e infine Anterselva. Le due salite – a Naz e Terento – sono il preludio alla salita finale fino a Anterselva (l’arrivo è allo Stadio del Biathlon). Grado di difficoltà 3/5, 180 km totali.

Tappa 18, giovedì 30 maggio 2019 – Da Valdaora (Olang) a Santa Maria di Sala passando per Cortina e il Cadore

Una tappa defaticante, quasi completamente in discesa: è quella di giovedì 30 maggio, da Valdaora a Santa Maria di Sala. Si passa dall’Alto Adige alla pianura veneta, dalla provincia di Bolzano a quella di Venezia, attraversando le Dolomiti Bellunesi, Cortina d’Ampezzo, Longarone, l’Alpago, le Prealpi, Vittorio Veneto e Conegliano fino alla volata finale.

Vediamo le località toccate da questa 18° tappa: Valdaora, Monguelfo, Villabassa, Dobbiaco, Carbonin, poi attraverso il passo Cimabanche si raggiunge Cortina d’Ampezzo e si scende lungo il Cadore (San Vito di Cadore, Borca, Vodo, Venas, Tai, Perarolo, Ospitale) fino a Longarone e Ponte nelle Alpi. Da lì si punta verso Pieve d’Alpago e si scende il Fadalto arrivando a Vittorio Veneto. Il tracciato continua per Conegliano, Susegana, Spresiano, Paese, Zerobranco, Scorzè, Noale, Sant’Angelo di Sala ed ecco infine l’arrivo a Santa Maria di Sala. Grado di difficoltà 1/5, 220 km totali.

Tappa 19, venerdì 31 maggio 2019 – Da Treviso a San Martino di Castrozza

Una tappa breve ma intensa, con arrivo in salita e due salite a movimentare la parte iniziale (sul Montello e sul Passo San Boldo): il Giro d’Italia venerdì 31 maggio attraverserà le province di Treviso, Belluno e Trento.

Si parte da Treviso città e poi passando per Villorba e Volpago del Montello si punta verso le colline del prosecco e le prealpi. Il percorso passa per Biadene, Ponte di Vidor, Valdobbiadene, Combai. Da Tovena si sale il Passo San Boldo – con le sue spettacolari gallerie – e si scollina in provincia di Belluno. Ecco la discesa dei borghi della Valbelluna (Trichiana, Mel, Lentiai, Busche, Feltre). Dal Feltrino si prosegue verso il Primiero e il Trentino: le località attraversate sono Seren del Grappa, Fonzaso, Lamon, Ponte Oltra, Imer, Fiera di Primiero, Valmesta fino all’arrivo a San Martino di Castrozza. Grado di difficoltà 3/5, 151 km totali.

Tappa 20, sabato 1 giugno 2019 – Da Feltre a Croce d’Aune – Monte Avena il vero tappone Dolomitico tra Veneto e Trentino

Eccolo il vero tappone dolomitico del Giro d’Italia 2019, con un lunghissimo percorso quasi ad anello per congiungere Feltre al vicino Monte Avena: sono più di 5000 i metri di dislivello da affrontare, con le salite di Cima Campo, Passo Manghen, Passo Rolle e Croce d’Aune – Monte Avena.

Sabato 1° giugno il Giro ricalca il percorso storico della gara Gran Fondo Sportful. Vedremo i corridori alle prese con salite lunghe (anche oltre 15 km) e pendenti (alcune superano il 10/12%).

Ecco il percorso nel dettaglio: da Feltre (273 metri slm) ci si sposta verso Fonzaso e Arsiè per poi attaccare la salita del Col Perer e Cima Campo (1425 metri slm) vicino al confine tra Veneto e Trentino, su un promontorio che domina la Valsugana. Da qui si scende a Castel Tesino, Bieno, Scurelle e si punta alla salita del Passo Manghen (2047 metri slm) passando per Telve e Ponte Salton. Ecco poi la discesa in Val di Fiemme (Molina di Fiemme, Cavalese, Tesero, Predazzo, Bellamonte), da Paneveggio – bivio per il Passo Valles si prosegue con la salita del Passo Rolle (1980 metri slm) e la discesa a San Martino di Castrozza. Da qui si punta verso il Primiero e infine il Feltrino: Valmesta, Fiera di Primiero, Mezzano, Ponte Oltra, Sorriva, Croce d’Aune e Monte Avena con arrivo in salita a 1225 metri slm. Grado di difficoltà 5/5, 193 km totali.