Il Rifugio Giussani è una vera perla delle Dolomiti Ampezzane. Si trova nel gruppo delle Tofane, a 2561 metri di altitudine, e gode di una vista magnifica su tutta l’area delle Cinque Torri, Averau e Nuvolau. Ma il panorama arriva a toccare la cima del Pelmo e le creste aguzze della Croda da Lago.

Posto a forcella Fontananegra, il Giussani è incastonato tra la Tofana di Rozes e la Tofana di Mezzo, a separare la val Travenanzes dal passo Falzarego.

Rifugio Giussani: come arrivare?

Per arrivare al Rifugio Giussani ci sono varie possibilità. L’escursione più facile ha come punto di partenza il rifugio Dibona: richiede circa un’ora e mezza (in salita), e presenta circa 500 metri di dislivello.

Il Dibona si trova a 2083 m. ed è raggiungibile in auto dal passo Falzarego. Salendo da Cortina d’Ampezzo, tra Pocol e Cianzopè, si incontra sulla destra un bivio (cartelli ben visibili). Lì si imbocca la strada per il Dibona: stretta e tortuosa, termina però in un ampio parcheggio.

L’escursione dal Rifugio Dibona al Giussani (sentiero 403)

Dal Rifugio Dibona parte il sentiero CAI 403, largo e ben segnato: sarà il percorso da seguire fino al Rifugio Giussani. Nel primo tratto, supera il rifugio per entrare nella vegetazione, tra i pini mughi, e dolcemente ci fa guadagnare quota.

In breve il paesaggio cambia e poco dopo essere usciti dal bosco incontriamo il bivio per la grotta della Tofana che ignoriamo, lasciandocelo sulla sinistra. Si prosegue per il sentiero 403 che sale con un lento zig zag. Ad ogni tornante viene voglia di voltarsi per ammirare il panorama che si apre davanti a noi: raramente è possibile godere di una vista simile, senza ostacoli, durante una salita.

Dopo circa un’ora di cammino ci è chiaro il tipo di scenario che ci aspetta: le pareti verticali delle Tofane ci sovrastano (la Rozes a sinistra, la Tofana di Mezzo a destra) e camminiamo ai loro piedi su un largo sentiero pietroso, segnato e protetto con dei tronchi. Dopo un tratto in cui lo zig zag si fa più serrato, si arriva in vista dei ruderi del Rifugio Cantore.

Un ultimo sforzo e davanti a noi appare il rifugio Giussani, tappa fondamentale di tutti gli escursionisti che salgono la via normale alla Tofana di Rozes, ne fanno il giro o scendono dalla cima, dopo la Ferrata Lipella.

Rifugio Giussani
Rifugio Giussani

L’escursione che porta al Rifugio Giussani termina qui, ma conosciamo molto bene il forte richiamo della cima della Tofana di Rozes: un’avventura che consigliamo ai più allenati ed esperti, in una giornata di tempo stabile e partendo presto la mattina.

Il ritorno al punto di partenza avviene per lo stesso percorso dell’andata: si segue quindi di nuovo il sentiero 403 dal rifugio Giussani fino al rifugio Dibona.

Escursione dal Rifugio Dibona al Giussani: informazioni pratiche, in breve

Partenza:  Rifugio Dibona (2083m)
Arrivo: Rifugio Giussani (2561m)
Dislivello: +500 metri
Durata: 1 ora e mezza (per la salita)
Punti di appoggio: Rifugio Dibona – Rifugio Giussani
Mappa escursionistica Tabacco di riferimento: 03 – Cortina D’Ampezzo e Dolomiti Ampezzane

Testo e foto © Dolomiti Review