fbpx

Manca pochissimo al Dolomiti Extreme Trail 2019 e anche quest’anno la gara di trail più estrema (ed entusiasmante) delle Dolomiti fa registrare il tutto esaurito, con 1500 corridori attesi ai nastri di partenza.

La 7° edizione di Dolomiti Extreme Trail è in programma questo weekend, da sabato 8 e domenica 9 giugno 2019.

Dolomiti Extreme Trail è l’avvincente gara di corsa in montagna si svolge lungo 3 diversi percorsi – da 23 km, 53 km e 103 km (sì, 103 km per 7150 metri di dislivello!) – attorno all’Anello Zoldano, la rete di sentieri che si snoda tra le Dolomiti della Val di Zoldo, tra Pelmo, Civetta, Moiazza, Mezzodì, San Sebastiano, Tamer, Monte Rite e Bosconero.

Gli atleti si misureranno con tracciati durissimi e spettacolari, tutti con partenza e arrivo a Forno di Zoldo.

Impressionante il dislivello che dovranno affrontare: 7.150 metri di dislivello positivo e altrettanti di dislivello negativo per il trail da 103 km, 3.800 metri di dislivello per quello da 53 km e 1.000 metri di dislivello per il percorso più breve, da 23 chilometri.

Dolomiti Extreme Trail 2019: il programma

Dolomiti Extreme Trail è l’evento clou del weekend sulle Dolomiti Bellunesi della Val di Zoldo, in programma da venerdì 7 giugno a domenica 9 giugno 2019.

Venerdì 7 giugno è il giorno dedicato alla registrazione dei partecipanti (per tutta la giornata) e al briefingtecnico (alle 17.45) al Dxt Village, allestito a Forno di Zoldo.

Sabato 8 giugno è il giorno delle due gare da 103 km e da 53 km. Prima dell’alba (alle ore 4), si terrà la consegna delle sacche e il briefing tecnico per i concorrenti della 103 K e della 53 K che partiranno, rispettivamente, alle 5 e alle 5.30.

Sempre sabato, i primi arrivi al traguardo della 53 K sono previsti attorno alle 11.30, mentre i primi arrivi della 103 K attorno alle 19. Nel tardo pomeriggio, alle 18.30, si svolgeranno le premiazioni della 53 K.

Domenica 9 giugno è il giorno della gara da 23 km: i corridori partiranno alle 9.30.

Sempre domenica, alle ore 10.00, ci sarà il via della Mini Dxt, la gara promozionale per bambini e ragazzi (fino a 17 anni) su un tracciato di 2.5 chilometri.

Alle ore 11 si svolgeranno le premiazioni di 103 K, 23 K e Mini Dxt.

Da tutto il mondo per correre tra le Dolomiti della Val di Zoldo

Arrivano letteralmente da tutto il mondo i corridori in gara per questa edizione di Dolomiti Extreme Trail. Tra i 1500 concorrenti, tantissimi provengono dall’estero: sono ben 46 le nazioni presenti.

I paesi più rappresentati sono Francia, Spagna e Polonia. Ma ci sono concorrenti che arrivano anche da molto più lontano: sudafricani, giapponesi, australiani, brasiliani, messicani e statunitensi.

Un dato che conferma il trend già riscontrato nelle passate edizioni, e che testimonia il grande lavoro di promozione fatto dalla macchina organizzativa di Dxt e il fascino che le Dolomiti hanno ben al di fuori dei confini nazionali.

Per la Val di Zoldo e le Dolomiti Bellunesi il Dolomiti Extreme Trail rappresenta una bella occasione di sport, dai contenuti tecnici elevati, ma anche una grandissima opportunità di promozione per un territorio dalle valenze ambientali, storiche e culturali notevolissime.

Il grande lavoro per ripristinare i sentieri dopo Vaia

L’organizzazione di Dolomiti Extreme Trail quest’anno ha dovuto fare i conti con i danni causati sui sentieri da Vaia, l’evento catastrofico che si è abbattuto sul territorio lo scorso autunno. A ciò si è aggiunta la neve, scesa in abbondanza fino a primavera inoltrata.

A maggio, squadre di volontari coordinati dalla sezione Cai Val di Zoldo, hanno lavorato duramente per ripristinare i sentieri e metterli in sicurezza per consentire il passaggio dei corridori e rendere agevoli i tracciati per gli escursionisti, in vista dell’estate.

Si tratta di lavori che si aggiungono a quelli già realizzati nei mesi precedenti. In alcuni casi è stato necessario ricorrere all’elicottero per consentire di raggiungere i luoghi più difficoltosi da raggiungere a piedi, a causa degli schianti ma anche della neve.