fbpx

Un’escursione è un’attività da fare sempre con consapevolezza e preparazione. Andare in montagna da soli richiede qualche accortezza in più, per evitare di trovarsi in situazioni di pericolo.

Di seguito riportiamo i consigli del Soccorso Alpino per chi decide di affrontare un’escursione in solitaria.

Il Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico, infatti, ha diffuso una serie di “buone pratiche” che possono ridurre i rischi per chi svolge attività all’aperto da soli, come può essere una camminata (anche facile) su un sentiero.

1 – Comunicare l’itinerario

Comunica sempre l’itinerario previsto (anche gli eventuali itinerari secondari) ad almeno un parente o un amico fidato.

Specifica anche dove parcheggerai la macchina.

Se al termine della giornata prevedi di arrivare in un rifugio a pernottare, al momento della prenotazione comunica anche a loro qual è il tuo itinerario: indica da dove provieni e l’orario di massima di arrivo.

2 – Non cambiare itinerario

Segui sempre l’itinerario (o gli itinerari secondari) che hai previsto e comunicato. Se all’ultimo minuto decidi di cambiare percorso e la connessione telefonica è assente, lascia un foglio sul cruscotto della macchina comunicando il cambio di programma

3 – Non uscire dal sentiero

Non ti avventurare da solo fuori dal sentiero per nessun motivo.

4 – Usare le app di geolocalizzazione

Se puoi, utilizza le app di tracciamento (ad esempio l’app GeoResQ) che, anche in assenza di segnale, riducono comunque il raggio di azione per eventuali ricerche dei soccorritori.

5 – Indossare vestiti colorati

Indossa vestiti colorati ed evita colori mimetici

6 – Portare un kit di emergenza

Oltre alla normale attrezzatura per un’escursione, metti nello zaino alcuni oggetti che possono fare la differenza in caso di necessità:

  • una torcia (con batterie di ricambio)
  • un telo termico d’emergenza
  • un fischietto.

A questi consigli bisogna aggiungere, imprescindibilmente, un’ottima dose di buon senso e la consapevolezza che la vera abilità in ambiente impervio è capire quando è il momento di saper rinunciare.