Passi dolomitici chiusi per neve. Quest’anno, nonostante la primavera inoltrata, sulle Dolomiti continua a nevicare anche a bassa quota.

C’è un articolo più recente su questo argomento!
>>> Leggi l’aggiornamento di lunedì 6 maggio 2019 relativo ai Passi Dolomitici aperti o ancora chiusi.

Questo fine settimana (4 e 5 maggio 2019) si stanno verificando precipitazioni nevose sul nostro territorio di montagna, che stanno interessando le province di Belluno, Trento, Bolzano e Udine.

Sta nevicando in alta quota ma anche a valle, fino a 800 metri di altitudine (e in alcuni casi anche più in basso, a 600 metri slm). Sono caduti circa 20 – 40 centimetri di neve fresca.

A causa del forte vento e della neve accumulata sulla strada, si è resa necessaria la chiusura dei principali passi dolomitici.

Passi Dolomitici chiusi al transito:

  • Passo Pordoi – chiuso (aggiornato alle ore 8.00 di oggi, lunedì 6 maggio 2019) – S.R. 48 “delle Dolomiti” dalla progressiva km 76+280 (Passo Pordoi) al km 82+100 (località ponte Vauz);
  • Passo Valparolachiuso (aggiornato alle ore 8.00 di oggi, lunedì 6 maggio 2019) – S.P. 24 “del Passo Valparola” dalla progressiva km 0+000 (loc. Passo Falzarego) alla progressiva km 5+250 (confine Provincia di Bolzano) a causa del forte vento che crea notevoli accumuli di neve sul piano viabile;
  • Passo Giau – S.P. 638 “del passo Giau” dalla progressiva km 0+000 (località Pocol) al km 18+900 (località bivio Posalf);
  • Passo Fedaia – S.P. 641 “del passo Fedaia” dalla progressiva km 16+950 (località Capanna Bill) 14+210 (confine con Provincia di Trento);
  • Passo Gardena – chiuso (aggiornato alle ore 8.00 di oggi, lunedì 6 maggio 2019)
  • Passo Sellachiuso (aggiornato alle ore 8.00 di oggi, lunedì 6 maggio 2019)
  • Passo Rolle
  • Passo Lavazè
  • SS 239 di Campiglio, in località Madonna di Campiglio, in entrambe le direzioni
  • il Comune di Belluno raccomanda di non percorrere la SP 31, la strada che porta al Nevegal

Restano chiusi per chiusura invernale i seguenti passi: Passo dello Stelvio, Passo Rombo, Passo Pennes, Passo Stalle, S.P. 33 “di Sauris”.

Passi delle Dolomiti aperti

Al momento (domenica 5 maggio, ore 10.00) risultano aperti solo alcuni Passi delle Dolomiti:passo San Pellegrino,passo Staulanza, passo Duran, passo Cibiana, passo Costalunga, passo Nigra, passo Cimabanche.

Tra i passi delle Dolomiti aperti si aggiunge – dalle ore 12.00 di lunedì 6 maggio 2019 – anche il Passo Falzarego– aperto (aggiornato alle ore 12.00 di oggi, lunedì 6 maggio 2019) – S.R. 48 “delle Dolomiti” dalla progressiva km 104+000 (località Pian di Falzarego) al km 106+150 (località Passo Falzarego);

Invece, i principali Passi delle Dolomiti, riportati nell’elenco soprastante, sono chiusi per neve e vento forte.

La situazione della viabilità sulle Dolomiti è in continua evoluzione e le condizioni dei passi (con relative aperture / chiusure) varieranno nelle prossime ore. Vi consigliamo di informarvi prima di mettervi in viaggio e di effettuare spostamenti sulle strade di montagna solo se strettamente necessario.

Passi dolomitici e viabilità, i link utili per restare aggiornati:

  1. Viabilità e passi dolomitici in Veneto: Veneto Strade
  2. Viabilità e passi dolomitici in Alto Adige: Provincia di Bolzano
  3. Viabilità e passi dolomitici in Trentino: Viaggiare in Trentino

Raccomandazioni: obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo

Veneto Strade comunica che – con ordinanza del Prefetto di Belluno – visto l’avviso di condizioni meteo avverse relativo a tutta la giornata di domenica 5 maggio 2019, è obbligatorio circolare soltanto con pneumatici invernali (le cosiddette “gomme da neve”) o con catene a bordo.

Ciclomotori e motocicli potranno circolare solo in assenza di neve o ghiaccio sulla strada e di fenomeni nevosi in atto.

A chi si mette alla guida, si raccomanda di prestare particolare attenzione per la possibile presenza di mezzi sgombraneve in azione. E, visto il forte vento in atto, anche per la presenza di cumuli di neve sul piano viabile. Considerate le basse temperature, alcuni tratti di strada potrebbero essere ghiacciati.