fbpx

Dal ristorante stellato alla mensa dell’ospedale di Rovereto. Da oggi, lo chef Alfio Ghezzi sta dando il proprio apporto in cucina all’ospedale Santa Chiara di Rovereto. Nei prossimi giorni, infatti, preparerà i pasti per i 120 operatori sanitari impegnati nella cura dei pazienti in cura per il Coronavirus.

Solo qualche mese lo chef trentino, 2 stelle Michelin, aveva inaugurato la sua nuova insegna Alfio Ghezzi Bistrot e Ristorante Senso presso il café ristorante del MART di Rovereto, dopo un brillante percorso presso la Locanda Margon di Trento.

In questo periodo di emergenza, Alfio Ghezzi ha deciso di scendere in campo per offrire il proprio contributo e alleggerire un po’ le giornate di chi si trova a lavorare in una situazione quanto mai critica.

“Volevo essere utile alla comunità. Questi momenti ti spingono a pensare meno a te stesso e di più agli altri e al bene comune ha spiegato Ghezzi.

Lo chef, inoltre, ha aggiunto: “Mai come prima d’ora, la sensazione di fragilità, di perdita della libertà e la consapevolezza che abbiamo voluto troppo ci ha toccati così da vicino… è tempo di pensare un po’ meno a se stessi e dedicarsi al bene comune! Un piccolo gesto con quello che sappiamo fare: questo è un nuovo punto di partenza.

Il direttore dell’Azienda Sanitaria di Trento: “In questi momenti veramente tragici, tantissima gente si è avvicinata a noi per dare la propria disponibilità”

A dare la notizia, il direttore generale dell’APPS (Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari) Paolo Bordon a margine della consueta conferenza stampa quotidiana indetta dalla Provincia di Trento.

In questo periodo tantissima gente si è avvicinata a noi per dare la propria disponibilità. Tra queste persone c’è anche uno chef importante, Alfio Ghezzi, che si è messo a disposizione, chiaramente nell’ambito delle sue competenze.

Abbiamo raccolto al volo questa sua disponibilità e da oggi – 27 marzo 2020, ndr – inizierà a dare il suo contributo presso l’ospedale di Rovereto.

Si tratta di un Covid Hospital, dove ci sono persone che si stanno ammazzando di lavoro e che molto spesso non hanno il tempo di andare in mensa per il pasto quotidiano.

Lo chef Ghezzi preparerà per loro dei piccoli piatti leggeri da portare direttamente in reparto. Credo sia una bella cosa, questa sua disponibilità ci ha sorpreso ed è stata molto apprezzata”.

Foto di copertina: Alfio Ghezzi Mart