scrivi qui cosa stai cercando
Eventi

A Belluno torna la Sagra dei Fisciot: il programma della Festa dell’Addolorata 2024

Belluno sagra dei fisciot, festa dell'addolorata

Uno degli eventi tradizionali più attesi e amati del bellunese: la sagra dei fisciot animerà il centro storico di Belluno domenica 17 marzo 2024. La festa della Madonna Addolorata è infatti un appuntamento che ritorna puntuale ogni anno, due domeniche prima di Pasqua. Proprio come la Pasqua, la data della tradizionale festa popolare varia di anno in anno.

Da secoli, l’evento sancisce l’arrivo della primavera e, unendo sacro e profano, rappresenta un momento di aggregazione molto sentito dalla città.

Il programma di domenica 17 marzo 2024

In occasione dell’antica festa della Madonna Addolorata e della sagra dei Fisciot, domenica 17 marzo il centro storico di Belluno diventerà una grande isola pedonale e sarà chiuso alle auto, per far posto alle bancarelle della fiera.

Tutto il giorno – Sagra dei Fisciot

La fiera si snoderà lungo le vie e le piazze cittadine: via Loreto, via Matteotti, piazza dei Martiri, piazza Vittorio Emanuele II, via Roma, piazza S. Stefano, via Simon da Cusighe, piazza Castello, piazza del Duomo e piazza Mercato.

Oltre agli stand gastronomici, gli espositori proporranno il consueto vasto assortimento di articoli, tra dolciumi, giocattoli, oggetti per la casa, accessori e molto altro. Solitamente Piazza Duomo ospita il mercato dei fiori, mentre il mercatino dell’antiquariato “Cose di vecchie case” si svolge nella vicina Piazza delle Erbe.

ore 10. 45 – Concerto della Filarmonica in piazza Duomo

In occasione della Festa dell’Addolorata, la Filarmonica di Belluno 1867 apre la sua stagione concertistica con un concerto in piazza Duomo (inizio previsto alle ore 10.45).

ore 16.00 – Processione

Quest’anno ritornerà anche la tradizionale processione dell’Addolorata. Presieduto dal vescovo mons. Marangoni, il corteo religioso con la “Madonna dei 7 Dolori”, seguita dalla statua di Santa Barbara, attraverserà le vie del centro storico di Belluno, partendo dalla chiesa di Santo Stefano (alle ore 16.00) e passando anche su via Carrera, via Duomo, piazza delle Erbe e via Mezzaterra.

Info: chiesabellunofeltre.it

Altri eventi a Belluno nel weekend della Sagra dei Fisciot

In piazza dei Martiri, nell’area di Porta Dante, sarà allestita l’area “food & music”, da venerdì 15 a domenica 17 marzo 2024.

Il programma prevede (venerdì 15) aperitivo 70, 80, 90, Dj con musica anni 80/90. Sabato pomeriggio, esibizione di band musicali giovanili in collaborazione con Liceo musicale “Renier” e alle ore 19.00 aperitivo con Deborah e Flavio e dalle 21.30 musica con Dj.

Domenica, mattinata in musica.

– Domenica 17 marzo 2024

ore 11.00 – visita guidata alla mostra “Una vaghissima Madonna in trono”

Nei giorni festivi il Museo Civico di Belluno è aperto con orario continuato. Un’occasione per ammirare le collezioni del museo cittadino, visitare le splendide sale di palazzo Fulcis e la mostra temporanea che ha per protagonista la pala d’altare che Francesco Vecellio – fratello del celebre Tiziano – dipinse per la chiesa di Sedico.

La visita alla mostra è compresa nel biglietto del museo. Alle ore 11 è prevista una visita guidata (su prenotazione).

Ingresso a pagamento, info qui.

ore 15.30 – passeggiata culturale tra Borgo Piave e Borgo Pra

L’associazione Borgo Piave Etc aps insieme agli abitanti di Borgo Pra propone una passeggiata guidata sulle tracce di Girolamo Moech, pittore borgo piavense della prima metà dell’Ottocento: “Girolamo Moech tra Piave e il Pra”.

La camminata, con partenza presso l’ex alimentari “Da Rosalina” si snoderà tra Borgo Piave e Borgo Pra, dove i partecipanti visiteranno la chiesa e scopriranno le opere d’arte in essa custodite.

Richiesta la prenotazione, info qui.

La storia della festa dell’Addolorata

La festa dell’addolorata è una delle fiere più antiche di Belluno. Le sue origini risalgono al 1716, quando la statua della Madonna dei Sette dolori – custodita presso la chiesa di Santo Stefano – fu portata per la prima volta in processione attraverso il centro storico della città, in segno di ringraziamento per la fine di una pestilenza che aveva colpito il territorio.

antica festa addolorata

Perché si chiama Sagra dei Fisciot?

La festa è nota anche come Sagra dei Fisciòt in onore dei fischietti di richiamo, un tempo tra i prodotti più popolari degli artigiani locali, che li creavano a mano in molte forme diverse. Cercando bene tra i banchetti della sagra, è possibile trovarli in vendita ancora oggi.


Navette e parcheggi

Quest’anno non ci saranno le navette per raggiungere il centro città in occasione della festa dell’Addolorata e della sagra dei fisciot. I cittadini dovranno quindi organizzarsi autonomamente per arrivare in centro. Il consueto servizio gratuito di autobus navetta che collegava i quartieri della prima periferia di Belluno al piazzale della stazione non è stato organizzato per questioni di budget. A chi arriva da fuori, consigliamo di utilizzare il parcheggio di Lambioi.

Modifiche alla viabilità

Per consentire lo svolgimento della tradizionale fiera dell’Antica Festa della Madonna Addolorata, il mercatino dell’antiquariato “Cose di Vecchie Case” e alcune attività collaterali, il Comune di Belluno ha istituito le seguenti modifiche alla viabilità, in vigore nella giornata di domenica 17 marzo dalle ore 5.00 alle ore 21.00 e, comunque, fino al termine della manifestazione:

  • divieto di circolazione veicolare, per tutti i veicoli, all’interno del centro storico circoscritto dalle seguenti intersezioni: a nord-ovest, piazzale C. Battisti/via Loreto, a nord-est, via Simon da Cusighe/via Gabelli; a ovest: piazzale Marconi-via Garibaldi; a sud: via San Lucano/piazza Duomo/via S. Andrea;
  • divieto di circolazione veicolare in via Zuppani e via Carrera, eccetto i residenti muniti di permesso; nel tratto in questione viene altresì istituito il doppio senso di circolazione, per consentirne l’uscita dal centro città; prima di immettersi in piazza Piloni i veicoli dovranno dare la precedenza a quelli già circolanti nella piazza;
  • divieto di sosta con rimozione forzata di tutti i veicoli in via Loreto, via Matteotti, piazza dei Martiri, piazza Vittorio Emanuele II, via Roma, piazza S. Stefano, via Simon da Cusighe, piazza Castello, piazza Duomo e piazza Mercato;
  • divieto di sosta con rimozione forzata di tutti i veicoli in piazzale C. Battisti, lato est (nell’area regolamentata a parcometro, eccetto invalidi – residenti – autorizzati per particolari esigenze dagli operatori di Polizia Locale).

In via Sottocastello la circolazione degli autorizzati dovrà avvenire esclusivamente da e per via Lambioi (con ingresso lato viale dei Dendrofori).

A causa di lavori in corso sul ponte “della  Veneggia”, per chi arriva dalla direzione autostrada > Ponte nelle Alpi > Belluno è meglio percorrere la sinistra Piave: strada provinciale 1, via Sagrogna, via Meassa, via Mairi, via Sarajevo. In questo modo, inoltre, si può raggiungere più facilmente il parcheggio di Lambioi.